Ghevido tra le migliori pizzerie d’Italia

In 7 mesi sulla Guida del Gambero Rosso 2018

Quello che ci ha spinto ad aprire questa attività è stata sicuramente la voglia di fare pizza. Una pizza, che aldilà delle definizioni, fosse un prodotto che ci rappresentasse a pieno. Un prodotto basato su criteri di qualità alimentare, salute e bontà. Per questi motivi abbiamo puntato fin da subito su materie prime di ottima qualità. A partire dalle farine farine macinate a pietra e lavorate sempre nel pieno rispetto dei tempi e dei modi di maturazione degli impassti. Perchè per noi è sempre stato importante poter offrire una pizza buona ma soprattutto altamente digeribile.

Sapevamo di fare un qualcosa di diverso, “nuovo” per la nostra area geografica, una tipologia di pizza sconosciuta ai più. Abbiamo puntato su quello che noi piaceva ma con il forte dubbio che sarebbe potuto anche non piacere. Per nostra fortuna il riscontro positivo del pubblico è stato immediato. Contro ogni nostra aspettativa poi la cottura a casa nel caso di asporto è diventata una consuetudine della maggior parte dei nostri clienti.

Dopo 7 mesi è uscita la Guida del Gambero Rosso “Pizzerie d’Italia 2018” che ci ha premiati con 2 rotelle su 3; inserendoci di fatto tra le migliori pizzerie a taglio d’Italia. E’ stato un riconoscimento bello quanto inaspettato, che ci ha dato una conferma assoluta di gradimento anche da parte della critica di settore.

Questo non può essere altro che uno stimolo in più a continuare il nostro percorso di ricerca e sviluppo della pizza, per fare un prodotto sempre migliore. Ma questo è soltanto il trailer di una storia di pizza, il film deve ancora cominciare.

Per scoprire quali sono le altre migliori pizzerie d’Italia del Gambero Rosso clicca qui.

 

Recensione Io Amo Firenze

Pubblichiamo con piacere la prima recensione che ci è stata fatta da: IoAmoFirenze.

Grazie!!!

——-

Oggi parlo di un posto nuovo che non si trova a Firenze, ma a Sesto Fiorentino: Ghevido. E’ una pizzeria che vende pizza a taglio, un po’ particolare. L’hanno aperta due ragazzi: Gabriele Tonti, pizzaiolo laureato all’Università della Pizza, e Stefano Degli Innocenti, blogger amante di lieviti e pizze, al punto tale di aprire un’attività tutta sua.

La particolarità delle pizze servite da Ghevido, oltre ovviamente a un impasto di farine macinate a pietra, con farina Petra del Molino Quaglia (con 100% grano italiano e da agricoltura integrata), e una lunga lievitazione, sta tutta nella doppia cottura. O meglio, se tante pizzerie fanno la doppia cottura, in questo caso la seconda parte della cottura è fatta al momento dell’ordine, se consumate in loco, o direttamente a casa, nel forno domestico.

In tal modo si evita di bruciare il formaggio o ricuocere la pizza troppe volte.

Le pizze proposte sono le classiche: margherita, marinara, Napoli… più qualche variante stagionale e qualche focaccia ripiena.

La croccantezza mi ha ricordato la pizza romana: quando la prendi in mano rimane salda, e non si piega come succede con le pizze morbide.

Buona la margherita, così pure la marinara con aglio e origano.

La Napoli è diversa da quelle che normalmente si trovano nelle pizzerie: l’acciuga è infatti posizionata sopra in un secondo momento.

Sfiziosa la focaccia con burrata, fiori di zucca e mortadella aggiunta a crudo.

Sul retro hanno una piccola corte con tavolini all’aperto, usufruibili anche in inverno.

In abbinamento alle pizze ovviamente una selezione di birre artigianali del Birrificio Italiano.

Ah per i non fiorentini: Ghevido è l’equivalente di Ganzo. In inglese diremmo “Cool”.

Dove si trova?

A Sesto Fiorentino, in via Giacchetti, 9A. Di fatto è una traversa dietro alla piazza del Mercato. Io ho trovato facilmente posto per la macchina nella strada della pizzeria.

Orari di apertura: 12.00-14.00 e 16.30-22.00